Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
21 marzo 2015 6 21 /03 /marzo /2015 12:48

 

Segnaliamo questo interessante articolo:

Il 12 marzo 2015, in Commissione Finanze della Camera, è stata presentata un’interrogazione parlamentare circa l’obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della Pa da parte degli enti non proft che, non essendo titolari di partita Iva, non emettono fatture ma semplici note di debito verso la Pubblica amministrazione (Asl, ordini professionali, scuole, ecc.).

 

http://www.associazioniinrete.it/niente-fattura-elettronica-alla-pa-per-gli-enti-non-profit-privi-di-partita-iva/

Repost 0
Published by Italia Idea - in Terzo Settore
scrivi un commento
2 maggio 2013 4 02 /05 /maggio /2013 14:14

Se un ente non commerciale dà in comodato d’uso gratuito un suo immobile ad un altro ente non commerciale per lo svolgimento‚ con modalità non commerciali‚ di attività assistenziali‚ previdenziali‚ sanitarie‚ didattiche‚ ricettive‚ culturali o sportive (e a tutte quelle previste dal comma 1 ‚ lettera i dell’articolo 7 del decreto legislativo 504/92) può comunque applicare l’esenzione IMU.

 

La Risoluzione chiarisce che invece il rapporto di comodato d’uso rappresenta un tipo di contratto essenzialmente gratuito‚ non produce ricchezza e capacità economica rilevante ai fini dell’imposizione fiscale‚ secondo criteri validi per l’IMU. L’esenzione IMU‚ quindi‚ è in tal caso applicabile.
 

L’esenzione IMU non si applicherà‚ invece‚ se l’immobile è concesso in affitto.

 

Il Dipartimento delle Finanze‚ inoltre‚ precisa che l’esenzione dell’IMU è applicabile anche in caso di immobile dato in comodato dall’ente non commerciale ad un’altra associazione non profit interna alla sua struttura oppure esterna‚ a condizione che in esso vengano svolte le attività individuate per usufruire dell’agevolazione.
L’organizzazione senza scopo di lucro che opera nell’immobile non deve naturalmente pagare l’IMU perché non è soggetto passivo‚ ma deve fornire all’ente non commerciale che gli ha concesso l’immobile tutti gli elementi necessari per consentirgli l’esatto adempimento degli obblighi tributari sia di carattere formale sia sostanziale.

Repost 0
Published by Italia Idea - in Terzo Settore
scrivi un commento
21 marzo 2011 1 21 /03 /marzo /2011 15:14

5x1000 esercizio 2011

 

I termini aggiornati in forza dell’articolo 2, comma 1, del decreto-legge n. 225, applicabili nell’esercizio finanziario 2011.

 

 

ENTI DEL VOLONTARIATO

 

 

Termini aggiornati applicabili nell’esercizio 2011

 

  • Termine per l’iscrizione telematica per gli enti del volontariato

 7 maggio 2011

 

 
  • Pubblicazione dell’elenco degli enti del volontariato iscritti

14 maggio 2011

 

 

  • Termine per la correzione di errori di iscrizione nell’elenco degli enti del volontariato

20 maggio 2011

 

 

  • Pubblicazione dell’elenco aggiornato degli enti del volontariato iscritti al beneficio

25 maggio 2011

 

 

  • Termine per l’invio delle dichiarazioni sostitutive da parte degli enti del volontariato

  

30 giugno 2011

 

 

  •   Termine dei controlli sulle dichiarazioni sostitutive presentate dagli enti del volontariato

   

31 dicembre 2011

 

 

 

  •   Pubblicazione degli elenchi degli enti del volontariato ammessi ed esclusi dal beneficio con l’indicazione delle scelte e degli importi

   

31 marzo 2012

 

 

  

 

 

CIRCOLARE 9 DEL 2011

 

 

Curiosità: come funziona in Spagna

 

 

 

Repost 0
Published by Italia Idea - in Terzo Settore
scrivi un commento
5 marzo 2011 6 05 /03 /marzo /2011 16:43

 

 

Per effetto dell’anzidetta proroga, i termini per la tempestiva presentazione del modello EAS sono fissati come di seguito indicati:

  •  entro il 31 marzo 2011, per gli enti già costituiti alla data di entrata in vigore del decreto-legge n. 185 del 2008 (29 novembre 2008);
  •  entro il 31 marzo 2011, per gli enti costituitisi dopo l’entrata in vigore dello stesso decreto-legge n. 185 del 2008, qualora il sessantesimo giorno dalla costituzione scada prima del 31 marzo 2011;
  •  entro sessanta giorni dalla data di costituzione, per gli enti per i quali il termine di sessanta giorni dalla costituzione scada a decorrere dal 31 marzo 2011 (cioè in data 31 marzo 2011 o in data successiva).

 

 

 Il modello Eas è una scheda informativa che contiene informazioni sui nuovi enti associativi.

 

Le quote e i contributi associativi nonché, per determinate attività, i corrispettivi percepiti dagli enti associativi privati, in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa tributaria, non sono imponibili. Per usufruire di questa agevolazione è necessario che gli enti trasmettano in via telematica all'Agenzia delle Entrate i dati e le notizie rilevanti ai fini fiscali, mediante un apposito modello.

 

 Non sono tenuti alla presentazione del modello le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali di cui all’articolo 6 della legge 11 agosto 1991, n. 266, che non svolgono attività commerciali diverse da quelle marginali individuate con decreto del Ministro delle finanze 25 maggio 1995. 
Sono parimenti esonerati dalla presentazione del modello le associazioni pro-loco che optano per l’applicazione delle norme di cui alla legge 16 dicembre 1991, n. 398, e gli enti associativi dilettantistici iscritti nel registro del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) che non svolgono attività commerciali.
L’onere della trasmissione è assolto anche dalle società sportive dilettantistiche di cui all’arti-
colo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

 

 

 

 

Repost 0
Published by Valeria - in Terzo Settore
scrivi un commento

Presentazione

  • : Macale e Cannarozzi
  • Macale e Cannarozzi
  • : Studio fiscale e di consulenza del lavoro
  • Contatti

Link